giornalisti zerbini abolite il vostro inutile albo

Ieri Striscia ha colto un fuori onda davvero esemplare. Un giovane rampante giornalista di mediaset dopo l’intervista con il portavoce di Berlusconi, Bonaiuti,  non finiva più di ringraziarlo per una cravatta ricevuta in regalo. Ma ti potessi impiccare con quella cravatta povero lacchè, servo dei servi dei…!!! Ma a parte le ingiurie che razza di gente siete, ma ve l’hanno spiegato che i giornalisti non devono riverire il potere ma smascherarlo? Non avete ancora compreso l’importanza dell’informazione in una società postindustriale? O meglio mi sa che l’hanno compresa bene la lezione: abbassare la testa, leggere veline, non fare domande scomode, incensare i potenti questi i punti nodali per una carriera al TG5. Ma in altri luoghi di opposta sponda non credo che siano da meno: ossequiosi con D’Alema e Veltroni, prodi tutori dell’ordine prodiano, mastelliani a prescindere, dipietristi ulivisti ad alta velocità… sempre più i giornalisti assomigliano ai cortigiani di Versailles prima della rivoluzione. Condividono così tanto tempo con i politici da assomigliare loro sempre di più. Per questo quando un Luttazzi parla da pensatore libero è una voce stonata da mettere fuori dal coro, per questo sabina Guzzanti ha dovuto sospendere RaiHot e per questo nessuno sentirà la mancanza di Enzo Biagi. Sempre più servili e inutili i giornalisti descrivono un mondo che esiste solo nei salotti del potere. Non stupisce il fatto che sempre più gente attinge da internet l’informazione, i bla bla della carta stampata sono lasciati ai clienti distratti dei bar.

giornalisti zerbini abolite il vostro inutile alboultima modifica: 2007-12-19T17:39:16+00:00da anarcopan
Reposta per primo quest’articolo