Mastella il Ceppalonico mi è quasi simpatico come un eroe acheo.

Sì beh non esageriamo, simpatico è un po’ troppo, però certamente è una figura meno sgradita di altre che sotto le mentite spoglie dell’onorevole rappresentante del popolo democratico si fa esclusivamente i fatti propri. Sì perchè il Clemente non ha mai nascosto la sua vocazione paternalista, meridionalista e clientelare, invece quelli che tuonano contro il malcostume (da Veltroni a Dini, da Di Pietro a Casini, da Fini a Storace) sotto sotto si fanno soltanto gli affari propri nell’interesse esclusivo di casta o di gruppo politico. Insomma molto meglio Mastella che ha sempre avuto coraggio e trasparenza nel comportamento di coloro che tramano nell’ombra. Un altro motivo per cui per esempio è ben più corretto di Veltroni e Dini sta nel fatto che lui ha sempre declinato gli inviti di Berlusconi, mentre degli altri due non si sa cosa vogliano veramente fare e quali accordi abbiano sotto banco con la destra.
Sì certo il suo bigotto e codino atteggiamento nei confronti del Vaticano è stucchevole, ma nel personaggio ci sta: mantiene una sua perfeta coerenza. Altrettanto si può dire del suo campanilismo ceppalonico, ma pare che nella sua cittadina sia un amico di tutti e un benefattore, che si può dire invece di un parlamento che raccoglie in prima battuta solo 1200 euro per levittime di Tyssen?

754015f36951c6250ac3d58efb0d4588.jpg
Mastella il Ceppalonico mi è quasi simpatico come un eroe acheo.ultima modifica: 2008-01-18T11:57:34+00:00da anarcopan
Reposta per primo quest’articolo